Home | Notizie | Intervento all'ailanto de “La pianta”
Intervento all'ailanto de “La pianta”
Erano peggiorate in modo irrimediabile le condizioni dell'albero presente nel cortile del saloncino di via Leopardi e l'agronomo incaricato dal Comune ne ha prescritto l'abbattimento

Corsico (26 maggio 2014) - Sono iniziate nella mattinata le operazioni per il taglio dell'ailanto presente nel cortile della sala “La pianta”. L'albero, infatti, era irrimediabilmente compromesso, perché, secondo l'agronomo incaricato dal Comune, aveva subito nel corso degli anni un'azione complementare di fattori climatici e agenti patogeni che hanno provocato una degradazione di porzioni interne del legno e delle cavità profonde. Inoltre, sul fusto erano evidenti degli scortecciamenti e delle fessurazioni longitudinali.
La sede comunale di via Leopardi non perderà la sua connotazione, perché comunque rimane il glicine che ricopre, con i suoi rami, il pergolato del cortile.
L'intervento all’ailanto, chiamato anche “falso noce” o “noce selvatico”, rientra in un piano più ampio di verifica accurata di tutte le alberature di Corsico.
“Dispiace sempre dover tagliare un albero - spiega l'assessora alle Politiche ambientali Rosella Blumetti - ma la sicurezza viene prima di tutto. Ogni intervento di messa in sicurezza o di abbattimento di piante perché diventate pericolose ha sempre comportato un corrispondente bilanciamento ambientale, con il posizionamento ogni anno di almeno 350/400 arbusti o alberi, senza contare i circa 10mila nuovi alberelli forestali posizionati in collaborazione con Ersaf”.
Nel dettaglio e solo per fare qualche esempio, nel 2013 sono state eseguite 505 piantumazioni, nel 2012 485, nel 2011 460 e nel 2010 410.

Ufficio stampa Comune di Corsico