Home | Notizie | “Il tabù di chi ha la memoria corta”
“Il tabù di chi ha la memoria corta”

Corsico (30 novembre 2016) - Il tema sta diventando una costante nel dibattito politico degli ultimi giorni, dopo la proposta di un emendamento di un consigliere del Movimento 5 Stelle a una mozione dedicata agli uomini della scorta del giudice Giovanni Falcone, morti nell’attentato del 23 maggio del 1992. L’obiettivo dell’esponente pentastellato era di far inserire il nome di Lea Garofalo nella proposta. “Una provocazione politica”, hanno replicato esponenti della maggioranza consiliare. “Si rischiava così di sminuire il valore, anche simbolico, della vittima della ‘ndrangheta”.
E il sindaco Filippo Errante precisa: “Ovviamente non ho mai detto che sono assolutamente contrario a Lea Garofalo. Infatti, riconosco pienamente il valore del sacrificio della donna e mamma barbaramente trucidata da quel cancro, qual è la ‘ndrangheta, che tutti, senza distinzione, devono contrastare con ogni mezzo. Però, in questo caso si chiedeva di mettere il suo nome in una mozione dedicata agli uomini della scorta del giudice Falcone, stravolgendo di fatto un documento politico che ho presentato per sottolineare anche il percorso già avviato nell’aprile scorso con le scuole superiori della mia città”...